Ritorno in carcere

A causa del Coronavirus ogni visita alle carceri era stata sospesa. Ora questa misura è stata abolita per cui, abbiamo potuto tornare a visitare i carcerati di Miragoâne assieme alle suore del Cardinal Sancha.

Loro hanno organizzato la distribuzione del cibo, Mery si è occupata dell’aspetto sanitario, io ho fatto l’autista e il giornalista. Oltre alle suore questa volta ci hanno accompagnato alcune donne molto povere che fanno le cuoche dalle suore.

Non è la prima visita per cui sappiamo cosa aspettarci. Secondo quanto ci hanno riferito dovrebbero essere molti prigionieri malati, ma man mano che Mery passa da una cella all’altra tutto sommato la situazione appare meno grave del previsto.

In ognuna delle 6 celle di pochi metri quadrati ci sono fino a 10 persone. Solo in una cella sono in 3… ex poliziotti. Oltre ai detenuti non c’è praticamente niente , non c’è bagno, doccia, tavolo né tantomeno letto: tutto si fa per terra.

Ci dicono che ricevono un pasto al giorno, ma l’acqua non è trattata e diversi soffrono di problemi intestinali. Come già constatato in occasioni delle precedenti visite, tra i presenti diversi attendono un giudizio da oltre un anno, alcuni da due.

Nonostante la situazione i carcerati sono gentili e tranquilli, parliamo con loro e ascoltiamo le storie che ci raccontano. Qualcuno chiede soldi, ma appena spieghiamo che siamo missionari non insistono e ci ringraziano per la visita.

A una delle donne che aiuta per la distribuzione del cibo chiediamo cosa pensa. “Preferisco vivere nella miseria che essere imprigionata qui” risponde categorica.

I poliziotti di guardia, normalmente sospettosi e un po’ molesti, sono stranamente collaborativi tanto che ne approfitto per chiedere se posso fare delle foto e incredibilmente mi danno il permesso.

4 pensieri su “Ritorno in carcere

  1. Maurizio

    È impressionante. Tanto lo scritto quanto le immagini. Ti domandi come sia possibile sopravvivere in queste condizioni e dove si trovi la dignità dell’essere umano. Come è possibile sopportare la vista di tanta miseria?

    "Mi piace"

  2. Mauro

    Effettivamente queste situazioni sono veramente terribili. Chissà cosa avranno fatto per essere lì… magari hanno rubato solo una gallina…
    bravi, ci vuole comunque sempre una grande capacità di ascolto per andare lì… cari saluti papà

    "Mi piace"

    1. Ciao papà, quando andiamo a visitarli non pensiamo mai a ciò che hanno fatto, vediamo solo uomini dietro le sbarre che sopravvivono e aspettano… Poi a volte ci giungono informazioni dalle suore o anche dai collaboratori di Giustizia e Pace, oppure sono i prigionieri stessi a raccontare … alcuni hanno commesso reati gravi, altri invece hanno magari rubato un telefono, un bue o una moto … Noi non giudichiamo, ma solo cerchiamo di trascorrere con loro qualche minuto. Purtroppo in questi carceri non esiste il concetto di rieducazione, riabilitazione, …

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...